venerdì 5 aprile 2013

IL PANE A TORINO SI CHIAMA KHUBZ


Come ogni Ramadan le pazienti e tenaci Donne del pane invadono pacificamente Porta Palazzo.


LE DONNE DEL PANE

Durante il mattino di mercato, lo stesso s'apre agli acquirenti con drappelli di donne armate di carrello e banchetto improvvisato, carico di pane normalissimo, pagnotte del tipo tartaruga, ma anche più invitanti pani tipici, Msmen, Baghrir, Bat But e pane arabo in genere. Si mescolano ai signori della menta, lungo corso Regina Margherita e aprono allegramente il già vivacissimo mercato di frutta e verdura.
Ma questo avviene tutti i giorni di tutti i mesi dell'anno e solo a volte capita di vedere spazi desolatamente vuoti per il passaggio di qualche rappresentante di forze dell'ordine che non gradisce la loro presenza.
Ramadan 2014 nel primo pomeriggio a Porta Palazzo quando il mercato è già finito...
Il mese del Ramadan è invece speciale: anche dopo il mercato e fino a tardi, quasi fino all'ultimo minuto prima dell'Iftar, la colazione dopo il tramonto, le Donne del Pane si sistemano lungo il primo tratto di corso Giulio Cesare alla fine di Piazza della Repubblica e inscenano un ordinato mercatino.

Non si vieta la vita...
Qualcuna di loro è proprio brava, bisogna certamente provare uno dei loro pani! E se poi si ha proprio voglia d'mmergersi in questo Marocco torinese, c'è anche il venditore di Lben fatto con il miglior latte di fattoria...
Torino Khouribga, siamo in Italia, un'Italia che cambia e s'apre al mondo, anche così.
Porta Palazzo, un pomeriggio di Ramadan  (2013)

 

PAN GRUVIERA O BAGHRIR

E' Ramadan e in tante panetterie maghrebine di Torino compariranno dolci e pani tipici del mese del digiuno: tra essi il baghrir, o crepe bucherellata! Ecco come prepararli!

Baghrir, il pane gruviera!


PANE PANE PANE

Torino, Casablanca: il pane non è più un bene di lusso! Si può finalmente trovare ottimo pane a prezzi molto competitivi. Intorno a Porta Palazzo, soprattutto! Qui, proprio in piazza della Repubblica, tanti anni fa aprì il suo negozio il primo panettiere di origini marocchine e il suo successo insieme al radicamento della comunità marocchina di Torino ha portato all'apertura di tante nuove panetterie. Ora "otto panini un euro" è solo un ricordo, fu il lancio di tante di queste attività artigianali. Ma il pane continua a costare meno di due euro al chilo, sei panini un euro, e insieme vengono smerciati i pani della tradizione marocchina, pizzette e focaccia, dolci...
Tutt'intorno al mercato e anche davanti alla moschea della Pace si trovano poi le rivendite ambulanti 'informali'. Tanti anni fa aveva cominciato qualche signore a vendere pane da grossi cesti di fronte ai luoghi di preghiera. Poi sono arrivate le signore del pane, che affollano il lato dei banchi di frutta e verdura del mercato su corso Regina Margherita, mescolandosi ai venditori ambulanti di menta fresca e coriandolo...  O si mettono più ordinate e meno assillanti nello spiazzo di piazza della Repubblica libera dal mercato, all'inizio di corso Giulio Cesare, di fronte alla macelleria Halal Torino e al ristorante Grand Maghreb...

msmen

Tra le panetterie di Porta Palazzo la mia scelta va a quella dei fratelli Ben Salam (cell. 3491331279 oppure 3319349702) in via Carlo Noé 8, angolo via La Salle (apertura 7.30/8.00-21.00), con il forno principale in via Pinerolo, 6, angolo corso Giulio Cesare (apertura 8.00-23.00): di gran lunga le migliori baguette e pani di vario tipo, dal pugliese al nero integrale, con le squisite pizzette 8 x 1 euro o le più consistenti da 50 centesimi. Pasticceria di pasta di mandorle o pistacchi a 12 euro al chilo, le favolose millefeuille da 60 centesimi l'una. Ottimi dolci al cocco e krapfen golosi ripieni di crema pasticcera... Buonissimo il panino dolce con semi di anice all'interno e sesamo tostato sopra... Ce n'è quanto basta per ingrassare alquanto!
Le migliori brioches, quelle che scelgo per le colazioni al Bed and Breakfast Casablanca di via Carlo Noé 4, sono però in corso Giulio Cesare, di fianco alla moschea della Pace: al cioccolato, marmellata o vuote, o delicate e ancor più morbide a spirale con un po' di crema nell'impasto e l'uvetta secca.... Una delizia! Costano 60 centesimi l'una. La panetteria  è aperta dalle 7.30 (a volte più tardi però) alle 22.00!
millefeuille

Qui si trova anche ottima pasticceria tipica marocchina. Ma Consiglio per questo di rifornirsi da Fatima Mouharba in piazza della Repubblica, nella prima paneteria marocchina a Torino (l'aprì suo marito tanti anni fa). Vi si trova un'ampia scelta di pasticceria secca con pasta di mandorle, di arachidi, di pistacchi... A soli 14 euro al chilo.
Meno care le paste fritte ricoperte di miele e sesamo, Shebbakia: le si trova spesso in panetteria, o su ordinazione nei migliori ristoranti e gastronomie...

Shebbakya

Nessun commento:

Posta un commento